I cookies servono a migliorare e ottimizzare l'esperienza offerta all'utente mentre visita questo sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies di questo sito.
Come usiamo i cookies?
Dott. Leonardo Paoletta | Psicologo e Psicoterapeuta | Milano | Monza

Dr. Leonardo Paoletta
Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Transazionale, Terapista EMDR

Svolgo la mia attività di Psicologo e Psicoterapeuta a Milano e Monza, dove offro counseling psicologico, coaching analitico transazionale, psicoterapia individuale, psicoterapia di gruppo, psicoterapia di coppia e percorsi di consulenza di coppia. Sono specializzato nel trattamento dei disturbi d'ansia, dei disturbi psicosomatici, nel trattamento della depressione, dei disturbi di personalità, nel trattamento dei traumi e delle situazioni post-traumatiche in genere, delle problematiche sessuali, delle crisi di coppia e delle difficoltà relazionali in genere.
19.07.2016

Sito in aggiornamento

Come puoi vedere il sito non è aggiornato da tempo: ti invito a ritornare dopo la pausa estiva per vedere la nuova versione dello stesso e leggere i nuovi contenuti.

Nel frattempo puoi navigare tra gli articoli già pubblicati e vedrai che qualcosa di interessante per te troverai certamente.

A presto.

10.03.2016

Un segreto per stare bene

Quello che leggerai potrà apparirti banale e semplice eppure è così ovvio.

Prova ad osservarti: quando sei indaffarato in qualcosa che stai facendo ti senti bene. Non è semplicemente un fatto fisico, di impegno e di abitudine: è soprattutto un fatto mentale.

 continua
10.01.2016

Quando anche noi andiamo in letargo. Alcuni consigli per evitarlo.

Con l'arrivo dell'inverno, quando osservo me stesso e le persone intorno a me, penso immediatamente al meccanismo del letargo e mi chiedo se esso valga anche per noi esseri umani. Calano drasticamente le ore di luce disponibili, con esse cala anche la voglia di fare ed aumenta l'apatia.

 continua
18.11.2015

Sonno o son desto?

Il benessere psicologico, che è il fine ultimo di qualsiasi psicoterapia, è influenzato da molti fattori e uno tra quelli di maggiore importanza è la qualità del sonno.

E’ ampiamente dimostrato che la carenza di sonno ha effetti negativi sia sul benessere psicofisico che sull’umore e sulle funzioni cognitive.

 continua
08.11.2015

Perchè compriamo cose che non ci servono?

Questo comportamento viene definito "Effetto Diderot". Cosa c’entra un filosofo francese del 1700 con la necessità compulsiva di comprare cose che non ci servono realmente?

L’effetto Diderot è un fenomeno molto interessante. Significa che quando acquistiamo qualche oggetto nuovo ciò che già possediamo ci appare improvvisamente vecchio e stonato. Questa sensazione (ben nota al marketing) ci fa cadere in una spirale consumistica che ci spinge a comprare altre cose nuove in cambio di quelle vecchie.

 continua
07.11.2015

Come sviluppare e coltivare l'empatia

Eccoci al secondo post sull'empatia (qui il primo).

Diventando consapevole del potere dell’empatia e facendo qualche piccolo cambiamento nei tuoi schemi mentali, inizierai a notare una crescita della tua capacità di essere empatico. Se consideri importante la tua crescita personale, sviluppare l’empatia è un passo fondamentale. Mostrare empatia per qualcuno è un atto di generosità, di fiducia e di altruismo.

 continua
05.11.2015

Come migliorare il proprio benessere psicofisico

Rispetto all’inattività perfino un moderato livello di attività fisica è collegato al miglioramento fino al 50% del benessere e della salute mentale, come è risultato da uno studio pubblicato su Revista de Psycologia del Deporte (Romo et al., 2015), che ha analizzato un campione di 1.422 persone tra i 15 e i 74 anni che vivono a Madrid.

 continua
01.11.2015

Sai essere empatico?

Immagina la scena: la sala è buia e tu hai gli occhi incollati sullo schermo. Dopo un anno di dolorosa lontananza, di pericoli e vicissitudini alla fine la bambina viene riportata a casa, scende dall’auto della polizia, vede da lontano la sua mamma, le corre incontro a braccia aperte sommersa dalla felicità e finalmente, dopo tanto tempo, la riabbraccia piangendo e ridendo.

 continua