• Psicologo psicoterapeuta Monza e Milano
Blog

L'ansia modifica i sintomi della depressione

L'ansia modifica i sintomi della depressione
L'ansia è un disturbo che sempre più frequentemente colpisce una larga fetta della popolazione. La sua diffusione è in continuo aumento così come è in continuo aumento la diffusione della depressione.

Un recente studio, pubblicato negli Stati Uniti sulla rivista "Cognitive, Affective and Behavioural Neuroscience", descrive come, in realtà, ansia e depressione spesso si presentino insieme ed evolvano nel tempo influenzandosi vicendevolmente.

E' già fatto risaputo nella pratica clinica che ansia e depressione, nella maggior parte dei casi, si manifestano insieme nello stesso individuo. Non sono, quindi, disturbi che si presentano sempre separatamente.

I ricercatori dell'Università dell'Illinois, hanno quindi verificato come l'ansia alteri alcuni sintomi della depressione, peggiorandoli.

Lo studio in questione ha analizzato il quadro diagnostico dei disturbi psichici su scala nazionale ed ha mostrato che, tre quarti dell'intera popolazione a cui sia stata diagnosticato un disturbo depressivo presenti anche un'altra diagnosi nel caso specifico di disturbo d'ansia.

Il prof. Gregory Miller, psicologo, e la sua collega Wendy Heller, attraverso l'utilizzo della risonanza magnetica funzionale, hanno analizzato l'attività cerebrale in diversi individui, con diverse diagnosi: depressione, ansia, depressione prevalente con una concomitante sintomatologia ansiosa; disturbo d'ansia prevalente con concomitante quadro depressivo di fondo.

In sintesi, l'esperimento era strutturato in questo modo: ogni partecipante doveva denominare i colori di parole che avevano significato negativo, positivo o neutro. La scansione cerebrale avveniva durante l'espletamento di questo compito. Lo scopo era quello di individuare quali aree del cervello venissero attivate in risposta alle emozioni indicate dalle parole.

I dati emersi hanno mostrato che il cervello di un soggetto ansioso e depresso reagisce in maniera diversa da quello di una persona ansiosa, oppure solamente depressa.

Il prof. Miller ha concluso affermando che la diversa combinazione di depressione e ansia e la tipologia del disturbo d'ansia, attivano aree cerebrali diverse.

Si attendono ulteriori verifiche e conferme a questo studio, anche per comprendere in quale maniera si possa migliorare l'intervento per curare l'ansia e la depressione e le combinazioni, frequenti, di esse.

Post scritto da Leonardo Paoletta

Psicologo Monza Milano
Leonardo Paoletta.
Psicologo e psicoterapeuta Monza e Milano.
Sono uno Psicologo, Psicoterapeuta ed Analista Transazionale.
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Info OK